MILANO LIMITED EDITION

È stata recentemente proposta sul mercato una serie limitata della Milano per amatori, collezionisti e appassionati.
Moto Morini Milano Edizione Limitata sarà disponibile in soli 30 esemplari consegnati entro la fine di ottobre 2018, diversi mesi prima della consegna delle moto di serie e avrà una speciale dotazione: placca recante il numero di serie limitata, fascia in alluminio sul serbatoio, sella artigianale ricamata con logo Moto Morini, verniciatura micalizzata bicolore, specchietti e frecce Rizoma per Moto Morini, cerchi bianchi, telo coprimoto, giubbotto Moto Morini, casco Moto Morini. Il prezzo della Moto Morini Milano Edizione Limitata è di 17.500 €, in linea con quello che sarà la versione top di gamma della Milano, normalmente in vendita da aprile 2019.
Gli interessati potranno completare la procedura di prenotazione contattando l’azienda, scegliere il proprio numero di produzione ed eventualmente richiedere specifiche personalizzazioni che realizzeremo direttamente in fabbrica.

CORSARO ZT
Nasce la Morini smart

Più facile, più amica, ma pur sempre Corsaro: è questo il mantra della nuova ZT, sigla che sta a indicare l’evoluzione della Corsaro ZZ verso una moto pensata per coloro che desiderano vivere un’esperienza coinvolgente ma meno impegnativa. Se infatti rimane inalterata la potenza (ben 140 cavalli con 11,5 Kgm di coppia), cambiano numerosi particolari tecnici ed estetici con l’obiettivo di proporre agli appassionati un mezzo più versatile, adatto sia ad una passeggiata con gli amici che all’utilizzo in città, senza per questo perdere l’invidiabile grinta del 1200 Morini. Numerosi sono stati gli interventi sulla ciclistica, ferme restando le peculiarità tecniche della Corsaro ZZ. Il motore è stato addolcito nell’erogazione a beneficio anche dei consumi; restano la forcella anteriore completamente regolabile (senza trattamento DLC) con piedini ricavati dal pieno, i freni Brembo, mentre l’ammortizzatore posteriore è regolabile in estensione e nel precarico.
Gli interventi più evidenti riguardano una diversa distribuzione dei volumi. Il serbatoio (più piccolo e più snello) permette, pur con una sella invariata, un migliore accesso a terra ed una posizione di guida più facile e rilassata. Infine il nuovo faro anteriore rotondo trasforma la ZT in un vero instant classic.

Scopri di più

Corsaro ZZ

La Corsaro 1200 ZZ è nata sotto il segno del tricolore: prodotta artigianalmente nello stabilimento di Trivolzio, a due passi da Milano, monta al 99% componenti Italiani. Il nome è un omaggio allo storico Corsarino ZZ degli anni ‘60, il più sportivo della gamma di allora. Corsaro 1200 ZZ monta la versione 9.1 MP dell’ABS Bosch a due vie, disinseribile con un tasto al manubrio. A consentire al Bialbero 1200 Corsacorta di esprimere tutta la sua furia senza mai prendere fiato, arriva anche il quickshifter (otpional). Con l’omologazione Euro4, la Corsaro è diventata più fluida e meno assetata di benzina. All’avantreno troviamo una forcella Mupo con piedini ricavati dal pieno, completamente regolabile, i cui steli sono dotati di rivestimento DLC di serie; il mono è stato progettato su specifiche Moto Morini; ed è anch’esso totalmente regolabile. L’impianto frenante può contare all’anteriore su pinze radiali monoblocco a quattro pistoncini, doppio disco flottante da 320 mm ed una pompa semi-radiale 16/19, tutto firmato Brembo; al posteriore, pinza a due pistoncini con disco da 220 mm. I cerchi da 17” in lega di alluminio forgiato sono gommati dai pluripremiati Pirelli Diablo Rosso III a doppia mescola.

Scopri di più

E-BIKE: MODELLO URBAN E CITY

La bicicletta con pedalata assistita, interamente in alluminio, è l’oggetto con cui i collezionisti e gli amanti del Marchio salutano il ritorno di Moto Morini nel mercato delle biciclette.

Unico nel suo genere, il motore con tecnologia Zehus è chiamato “All-in-One” perché in un unico pezzo comprende motore e batteria.
Ha una potenza di 250 Watt e assiste la pedalata fino ad un massimo di 25 km/h,come stabilito dalle norme per questa categoria di veicoli.
Grazie alle dimensioni contenute ed al peso ridotto, nelle e-bike Moto Morini il motore è nascosto nel mozzo, regalando così la sensazione di avere davanti una bicicletta tradizionale.
Telaio, manubrio e ruote sono in alluminio e, sommati ai 3 kg del motore, hanno consentito di mantenere il peso totale quasi al pari di quello di una bicicletta tradizionale, intorno ai 13,5 kg.
Tutti i modelli e-bike Moto Morini potranno essere utilizzati a motore spento e sarà come possedere due bici in una: quella tradizionale e quella a pedalata assistita.
La pedalata nei modelli della nuova gamma è agevolata da un motore “All-in-one” nascosto nel mozzo con tecnologia Zeus che integra anche la batteria agli ioni di Litio, il meccanismo per la frenata rigenerativa e l’elettronica di gestione.
Il rivoluzionario telaio Frame Block si ritrova nei cavi di acciaio ricoperti in gomma ed integrati nel telaio in alluminio.
Questi fungono da catena antifurto e, essendo parte del mezzo, rendono la bicicletta assicurabile in caso di furto.

MILANO

La nuova Moto Morini Milano è la prima di una nuova famiglia di modelli che comporranno la gamma del marchio italiano. Come già le più sportive Corsaro, anche la Milano è assemblata artigianalmente nello stabilimento di Trivolzio (PV) con componenti e materiali forniti da aziende italiane.
La Moto Morini Milano nasce per dimostrarsi spensierata e affascinante, pronta a far innamorare chi desidera una motocicletta disimpegnata e attraente, nel contempo divertente e precisa. Lo stile realizzato dal designer Angel Lussiana la vede rifarsi alle linee degli anni Settanta ma portate nelle atmosfere moderne, fatte di tratti marcati che comunque non dimenticano l’eleganza e la morbidezza dello stile italiano. Le analogie della mitica 3 ½ con la nuova Moto Morini Milano sono chiare nello stile e nel cuore pulsante: i due V-twin sono infatti nati dalla mano dello stesso progettista: Franco Lambertini.
La ciclistica della nuova Moto Morini Milano è stata ottimizzata per i motociclisti meno esperti: il nuovo forcellone a traliccio è più lungo assicura maggiore stabilità e trazione, e le sospensioni, sempre firmate MUPO e pluri-regolabili, sono tarate per offrire il massimo comfort, senza rinunciare a qualche puntata sportiva.
L’impianto frenante può contare all’anteriore su pinze radiali monoblocco a quattro pistoncini firmato Brembo, mentre il Corsacorta, è stato ottimizzato per offrire una guida serena e piacevole, pur essendo capace di erogare ben 110 CV.

Scopri di più

Ti22
Il dipartimento One-Off di Moto Morini, che crea esemplari unici su richiesta e su specifiche del Cliente, presenta la Corsaro “Ti22”, versione speciale nata riportando la Corsaro 1200 ZZ a quei tempi in cui le gare di durata spopolavano ed erano per i
costruttori il miglior palcoscenico in cui esibire l’affidabilità della propria meccanica. Per donarle l’aspetto di moto da endurance, è stato montato un faro tondo al posto del doppio proiettore utilizzato sul modello di serie, circondato da un cupolino in alluminio battuto a mano da un artigiano italiano. Di alluminio e con una foggia irripetibile anche il serbatoio – sfinato rispetto a quello standard – ed il codino monoposto: così l’andamento della “Ti22” stempera i muscoli da naked della Corsaro ZZ e disegna dal frontale al posteriore una linea che appare come tracciata dal vento. La livrea in nero e bronzo scelta per questo esemplare unico lascia in bella mostra alcune aree in alluminio per sottolineare l’utilizzo di questo materiale, tipico delle motociclette da corsa del periodo a cui questa One-Off si ispira.
SCRAMBLER GULF
Tra le versioni speciali, firmate dal reparto One-Off, anche la nuova Scrambler 1200 con una livrea firmata in collaborazione con Gulf, storico marchio che ha rappresentato l’immagine stessa della passione per i motori ed il motorsport. Quel matrimonio sportivo fra il blu e l’arancio che ha colorato le carrozzerie di auto celebri come la Ford GT40 o la Porsche 917, tre volte campione a Le Mans. Quella stessa auto con cui Steve McQueen portò la 24 Ore più famosa del mondo sul grande schermo nel 1971, gli anni in cui la passione per i motori era viscerale e odorava di benzina e rischio, lo stesso periodo in cui Moto Morini ha conquistato il mondo con modelli come la 3 ½.